Come fare una carbonara light!

Forse più di chiunque altro noi italiani siamo il popolo con la lista più nutrita di “cose a cui non rinuncerei mai”, e la pasta, per tutti, è sicuramente nella top five. Una delle ricette più tradizionali e golose è la pasta alla carbonara, una delle perle del retaggio gastronomico romano. La sua fama sicuramente non è legata solo al suo sapore eccezionale, ma anche perché è veloce ed economica. Cerchiamo quindi di mantenere queste caratteristiche, ma in modo di sopperire a quello che forse è il suo unico difetto: è la bomba H delle esplosioni caloriche! Una porzione di circa 80g può infatti contenere dalle 550 alle 650 Kcal, con quasi 30g di grassi. E se dopo averla mangiata devi pure rientrare di corsa al lavoro si ripropone violenta, quasi volesse vendicarsi degli ingredienti sacrificati per il suo gusto… Nella ricetta tradizionale il guanciale (o la pancetta a dadini, più usata quando la prepariamo al volo in casa) viene soffritto, la pasta deve assorbire tutto il grasso, e come se non bastasse aggiungiamo le uova sbattute con il pecorino e il pepe. Se siete vegetariani un’alternativa potrebbe essere quella di sostituire la carne di suino con delle melanzane a cubetti; il colore non è un granché, ma basterà far sfumare nella padella in cui li soffriggete un po’ di vino rosso et voilà! L’inganno, almeno all’aspetto, sarà quasi perfetto. Inoltre 100g di melanzane contengono appena 20Kcal. Altrimenti dello spezzatino di soia sarà perfetto, usato allo stesso modo. Anche la crema di uova e formaggio può essere modificata, specie se i vostri livelli di colesterolo hanno costretto il medico a sedersi all’ultimo check up. Usate del latte, scioglietevi in un pentolino poco burro e fate addensare con dell’amido di mais (lo trovate facilmente in tutti i supermercati, di solito dove trovate preparati per dolci). Ricordate però di sciogliere l’amido quando il latte è ancora freddo, altrimenti si raggrumerà! Mentre mescolate aggiungete della curcuma in polvere (radice che ha peraltro anche ottime proprietà antiossidanti e antitumorali), renderà la crema di uno splendido colore giallo vivo, e la arricchirà di un sapore esotico e accattivante. Ma se avete gusti più tradizionali anche dello zafferano vi darà un risultato sorprendente. Al pecorino è difficile rinunciare, ma se volete proprio rivoluzionare il look della vostra carbonara usate del tofu: tagliatelo a fette, asciugatele con della carta cucina o un panno ben pulito, e sbriciolatele con una forchetta. Lo unirete alla crema dopo averla tolta dal fuoco. Il sapore non è certo lo stesso, ma potrete vantarvi di proporre una carbonara nuova, diversa, e assolutamente light, riducendo anche di un terzo l’apporto calorico complessivo. Ma non dimenticatevi del pepe, almeno quello lasciamolo!

Add Comment