Gli smoothies – il nuovo trend da bere

Veramente non c’è molto di nuovo in uno smoothie, dal momento che nasce nella patria dei milk shake, gli Stati Uniti, negli anni ’30. Eppure le sue proprietà salutari e dietetiche, la sua fresca consistenza (smooth in inglese significa vellutato) e perché no, il suo simpatico nome lo hanno di nuovo portato in auge anche nelle cucine e nelle caffetterie italiane. L’ingrediente di base sono la frutta fresca e l’acqua, o il succo aggiunto della frutta stessa. Furono delle ricette brasiliane a ispirare i primi smoothie, ma è sicuramente negli anni ’60, con l’avvento del vegetarianismo macrobiotico vicino alla cultura hippie, che gli Stati Uniti rilanciano questa moda alimentare, praticamente di pari passo con i celeberrimi milk shake da Happy Days. La frutta, ma anche la verdura come sedani, cetrioli e carote viene frullata in un semplicissimo frullatore domestico con poca acqua o con altro succo. Per addensare la bevanda e renderla più fresca si aggiunge del ghiaccio tritato, e generalmente non viene mai usato dello zucchero. La bibita che se ne ottiene è particolarmente ricca di vitamine, antiossidanti e fibre, e conserva tutte le proprietà principali degli ingredienti che la vostra fantasia vi suggerirà, rendendo felice qualsiasi nutrizionista, dal momento che una ricetta base comporta un apporto difficilmente superiore alle 150Kcal per porzione. Le combinazioni per ottenere un buon smoothie sono interminabili, e per renderlo più goloso potrete aggiungere anche dello sciroppo, un po’ di latte o gelato o anche della cioccolata, sebbene infrangerete la sua proverbiale salubrità… La ricetta base è vegana, e la si può mantenere tale usando del latte di soia o di mandorle per arricchirla. Esistono anche delle gustosissime varianti etniche: prendendo spunto dagli sharbat indiani aggiungete yogurt magro e miele, magari usando dei mango della varietà tota puri, e il risultato vi avvicinerà al Nirvana! Anche l’uso di spezie è da sperimentare, dando alla vostra bibita un aroma speciale grazie alla cannella, allo zenzero, al pepe verde o alla noce moscata. In occasione di un party serale invece lo smoothie può sempre cambiare look, e unito a bibite alcoliche è un’ottima base per deliziosi cocktail. Salute!

Add Comment